Tutto quello che dovreste sapere sui colloqui con l’ambasciata per il visto USA

24 Lug 14:39

Gli Stati Uniti sono un Paese che ha molto da offrire e, di conseguenza, molti individui desiderano visitarlo prima o poi nella loro vita.

Gli Stati Uniti sono un’attrazione importante per chi cerca un cambiamento di scenario, una nuova vita o la prossima avventura. È visto come un Paese di opportunità, con forti possibilità di lavoro, un’istruzione eccezionale, un elevato standard di vita e, naturalmente, un turismo di livello mondiale.

Sebbene i processi di immigrazione e turismo siano notoriamente difficili, è probabilmente il colloquio con l’ambasciata statunitense a causare la maggiore ansia. È il momento che ogni candidato teme.

Ma non deve essere così.

Questo saggio cerca di alleviare eventuali preoccupazioni che potresti avere riguardo al tuo colloquio per il visto negli Stati Uniti, permettendoti di affrontarlo con fiducia e ottimizzare le tue possibilità di successo.

Quindi, sia che tu stia pianificando un viaggio negli Stati Uniti per lavorare, studiare, diventare un residente permanente o semplicemente vedere i luoghi iconici dal mare al mare splendente, continua a leggere per imparare i migliori consigli e tecniche e tutto ciò che devi sapere mentre ti prepari per un colloquio per il visto negli Stati Uniti.

Spiegazione dell’ESTA

Per iniziare, è fondamentale notare che ci sono molti tipi distinti di visti statunitensi e la maggior parte di essi richiederà un colloquio.

Se volete solo visitare la nazione e siete abbastanza fortunati da provenire da un paese che fa parte dell’Unione Europea, potete anche visitare il paese. programma di esenzione dal vistoSarete sollevati nel sapere che potete evitare tutte le domande del colloquio con l’ambasciata americana e visitare gli Stati Uniti tramite il Sistema elettronico di autorizzazione al viaggio (ESTA).

Questo privilegio è disponibile in un massimo di 39 paesi, incluso il Regno Unito, e se sei idoneo, puoi rimanere per un massimo di 90 giorni come turista o in viaggio d’affari.

(Va notato che un breve viaggio d’affari non è considerato “lavoro negli Stati Uniti”, quindi è necessario un visto separato per questo motivo).

Ti verranno comunque poste domande ESTA particolari, ma non sarà un colloquio teso e la maggior parte delle persone viene accettata in circa 20 minuti.

Puoi saperne di più su come l’ESTA differisce da un visto per gli Stati Uniti e, se è quello che stai cercando, puoi iniziare il processo di domanda in questo momento.

Chi non rientra in questo gruppo o chiede un visto completo per gli Stati Uniti, deve partecipare a un colloquio di persona se ha un’età compresa tra i 14 e i 79 anni.

VIAGGIARE NEGLI STATI UNITI?


Avete un’autorizzazione di viaggio ESTA VISA per gli Stati Uniti? Se avete una domanda ESTA, controllate se è ancora valida!

Richiedi ora il visto Esta
Controlla ora lo stato di Esta

Ricevere l’invito al colloquio

Supponiamo che sia stato approvato un colloquio e che il processo di candidatura sia stato completato. Congratulazioni! Avete già superato un grosso ostacolo sulla strada per ottenere un visto per gli Stati Uniti.

A questo punto è necessario prepararsi a tutti i criteri per il colloquio con l’ambasciata statunitense.

Quando ricevete la lettera di colloquio, annotate la data, l’ora e il luogo del colloquio.

Questo sarà sicuramente già stato concordato con l’ambasciata o il consolato locale, quindi non sarà una sorpresa.

A seconda di dove vivete e di come funziona quell’ufficio specifico, potreste anche aver avuto un’interazione diretta via e-mail con il vostro intervistatore presso l’ambasciata o il consolato selezionato.

L’ambasciata o il consolato invierà anche una lettera di conferma del colloquio al vostro avvocato e/o al datore di lavoro o sponsor statunitense, se pertinente.

Inoltre, controllate che tutti i vostri dati siano validi e che la lettera sia indirizzata a voi. Controllate la presenza di errori di battitura e di ortografia, perché anche la più piccola imprecisione potrebbe far deragliare la vostra candidatura.

Dovete inoltre tenere presente che solo la persona o le persone elencate nella lettera o nell’e-mail sono autorizzate a partecipare al colloquio.

Prepararsi al colloquio

Dopo aver fissato la data, l’ora e il luogo del colloquio, c’è molto lavoro da fare prima di essere pronti a partire.

Controlla il sito web dell’Ufficio degli affari consolari per informazioni chiare e complete su ciò che accade dopo.

Vai alla pagina che mostra tutte le ambasciate e i consolati degli Stati Uniti e seleziona il luogo del colloquio.

Questo vi mostrerà esattamente cosa dovete fare per soddisfare i requisiti per un colloquio con l’ambasciata statunitense nella vostra specifica località.

Sebbene la procedura sia in gran parte la stessa in ogni nazione, i processi specifici possono differire. È inutile fare ricerche su ciò che si deve fare se si è a Londra mentre il colloquio per il visto è a Roma.

Una delle differenze più evidenti sarà la sede della visita medica.

Partecipare a una visita medica

Per ottenere il visto per gli Stati Uniti, il richiedente (e i suoi familiari) deve prima superare una visita medica completa.

Questo appuntamento deve essere fissato SOLO DOPO che vi è stata assegnata la data del colloquio per il visto. Se si sostiene una visita medica e poi non si ottiene un colloquio per qualsiasi motivo, si potrebbe finire per sprecare molto denaro.

Questo controllo sarà effettuato da un medico esperto approvato dall’ambasciata o dal consolato in cui si svolgerà il colloquio. Queste informazioni si trovano sulla pagina specifica di quella località, quindi assicuratevi di essere su quella appropriata prima di procedere.

Per quanto riguarda il referto medico, saranno accettati solo i medici approvati dall’ambasciata. Si tratta di un aspetto cruciale. Indipendentemente dal fatto che preferiate il vostro medico di famiglia o un altro medico, dovete sottoporvi a un esame effettuato da chi è stato designato dall’ambasciata.

Cosa portare alla visita medica

Ricordate di portare con voi tutta la documentazione pertinente alla visita medica.

È probabile che siano richiesti il passaporto, una copia della lettera di colloquio per il visto e una copia delle vaccinazioni.

Dovreste aver già consegnato all’ambasciata una copia della vostra storia clinica, ma è comunque una buona idea portarla alla visita di controllo.

Saranno inoltre richieste fototessere a due colori, da portare con sé all’appuntamento.

La visita medica non è importante, ma vi sarà richiesto di produrre campioni di urina e di sangue. È probabile anche una radiografia del torace e un esame completo da parte di un medico esperto.

In alcune circostanze e in alcune regioni del mondo, ciò potrebbe non essere sempre possibile nella stessa area e nello stesso giorno. Preparatevi a recarvi in diversi ambulatori/dipartimenti ogni volta che è disponibile un appuntamento.

Ma tenete presente che tutto deve comunque essere gestito dal personale medico approvato dall’ambasciata. Non recatevi in un’altra clinica o in un altro ospedale per le analisi del sangue o per una radiografia.

Ma è tutto molto semplice e il medico approvato saprà esattamente cosa fare e dove mandarvi, quindi rilassatevi e lasciatevi guidare dalla procedura.

Al termine della visita, il medico vi comunicherà che i risultati sono disponibili e potrete ritirarli in una busta sigillata in un secondo momento (il personale medico vi contatterà in anticipo) o spedirli immediatamente all’ambasciata.

Non è consentito aprire o studiare i propri documenti finché non sono stati esaminati dal personale diplomatico.

La visita medica è a pagamento, ma l’importo dipende dal medico a cui ci si rivolge e dalla nazione in cui si svolge il colloquio.

VIAGGIARE NEGLI STATI UNITI?


Avete un’autorizzazione di viaggio ESTA VISA per gli Stati Uniti? Se avete una domanda ESTA, controllate se è ancora valida!

Richiedi ora il visto Esta
Controlla ora lo stato di Esta

Iscriviti ai servizi di corriere

Alcune ambasciate richiedono la sottoscrizione di un servizio di corriere per potervi restituire i documenti dopo il colloquio, indipendentemente dal fatto che abbiate superato il test o meno.

Prima del colloquio, informatevi presso la vostra ambasciata per sapere se questa procedura è necessaria.

Potrete semplicemente tornare a ritirare il passaporto e il visto dopo che saranno stati elaborati e saranno disponibili presso le varie ambasciate e consolati.

Ottenere documenti e prove

Dopo aver completato la visita medica, la fase successiva è il colloquio. L’avrete già pianificato in precedenza, ma ora dovete completare la fase critica dell’acquisizione di tutti i documenti pertinenti.

Il metodo di preparazione al colloquio varia in modo significativo a seconda del visto che si sta cercando.

Per qualsiasi documentazione necessaria, come certificati di nascita e di matrimonio, è necessario portare con sé gli originali. È anche una buona idea includere delle copie.

Il passaporto deve essere valido e deve avere almeno molte pagine bianche prive di timbri o visti. Deve essere valido per almeno sei mesi dalla data prevista di ingresso negli Stati Uniti.

Se siete preoccupati e il vostro passaporto sta per scadere, dovreste rinnovarlo subito. Allo stesso modo, se non avete abbastanza spazio nelle sue pagine.

Devono essere fornite anche fototessere a due colori con sfondo bianco di 5 cm per 5 cm. Quando fai scattare le tue foto, ricorda di seguire le leggi dell’ambasciata / passaporto degli Stati Uniti. Non è consentito indossare occhiali o berretti, anche se fatto su base giornaliera.

Avrai bisogno del foglio di conferma DS-260 dalla tua domanda di visto, nonché di tutti i documenti finanziari che ti è stato richiesto di fornire e della prova che hai pagato i costi richiesti.

Controllate due volte i rapporti della polizia. È necessario aggiornarli se hanno più di un anno.

È inoltre necessario fornire i rapporti di polizia di tutti i Paesi in cui si è registrati per vivere. Quindi, se siete stati nomadi per un po’ di tempo e avete vissuto in numerose aree diverse, assicuratevi di avere abbastanza tempo per richiedere i rapporti richiesti da ogni nazione.

Tutti i documenti non in lingua inglese dovranno essere tradotti. Ricordate che il colloquio per il visto si svolgerà interamente in inglese. Se si richiede una traduzione, è necessario fornirla.

Portate con voi eventuali dichiarazioni di sostegno, documenti dello sponsor o conti finanziari del vostro firmatario. Ciò può includere, ad esempio, una dichiarazione di intenzione di sposare il coniuge americano entro 90 giorni dall’attraversamento del confine.

Non dimenticate di includere i risultati della visita medica sigillata, se non sono già stati inviati direttamente all’ambasciata.

Scarica e stampa questa lista di controllo dei documenti di visto, quindi esaminala bene per vedere se ti sei perso qualcosa.

È fondamentale che tutto sia mantenuto bello, ordinato e funzionante. Dovrete essere in grado di accedere a qualsiasi cosa, se e quando vi verrà richiesto.

È improbabile che vengano accettati documenti strappati, danneggiati o rovinati. Non appena si sa che si intende richiedere un visto per gli Stati Uniti, è bene procurarsi un raccoglitore rigido per tenere tutto insieme.

Se dimenticate qualcosa, anche se sembra banale, l’intera procedura subirà un ritardo, il colloquio potrebbe essere annullato e dovrete ricominciare da capo. Nella peggiore delle ipotesi, il visto potrebbe esservi negato.

Un’ultima parola di cautela durante la preparazione dei documenti: ogni visto è unico, quindi è fondamentale concentrarsi sui documenti di cui si ha bisogno per il visto che si sta richiedendo. In questo momento, gli errori possono essere costosi.

Preparazione alle domande

Avete raccolto i vostri documenti e controllato che siano tutti legittimi, aggiornati, belli, ordinati e originali. Quando si tratta di prepararsi per un colloquio con l’ambasciata statunitense, ci siete quasi.

L’intervistatore vi porrà una serie di domande, che possono variare a seconda del tipo di visto che state richiedendo.

Al richiedente di un visto K-1 per fidanzati verranno poste domande diverse rispetto al richiedente di un visto per studenti.

Detto questo, è possibile che in alcuni casi le domande si sovrappongano e quelli che seguono sono solo alcuni esempi di ciò che ci si può aspettare.

  • Perché si reca negli Stati Uniti?
  • Ha mai visitato gli Stati Uniti?
  • Ha qualche parente che risiede in quella zona?
  • Qual è la posizione della sua famiglia?
  • Qual è il numero di telefono del vostro capo?
  • Dove pensate di viaggiare negli Stati Uniti?
  • Siete mai stati a X?
  • Capisce l’inglese?
  • Quali sono i vostri piani una volta arrivati?
  • Chi paga il viaggio?
  • È mai stato accusato di un reato?
  • Avete già acquistato i biglietti aerei?
  • Dove andrete a stare?
  • Qual è la sua professione?
  • Qual è l’occupazione di suo marito/moglie/coniuge/figlio/figlia?
  • Avete un coniuge?
  • Quando pensa di sposare la sua fidanzata americana?
  • Tornate a casa alla fine del vostro viaggio?
  • È membro di qualche organizzazione terroristica?
  • Quali garanzie hai che tornerai a casa?
  • Cosa pensa di fare una volta terminati gli studi?

È una buona idea cercare online esempi di domande relative al visto che state cercando: questo è solo un esempio del tipo di domande che il vostro intervistatore potrebbe fare.

Alcune domande possono sembrare inaspettate, ma sono pensate per assicurarsi che abbiate fatto bene i compiti a casa. A tal fine, chiedete a un amico o a un familiare di farvi delle domande a caso da un foglio di esempio orientato al visto che desiderate.

Questo vi aiuterà a esercitarvi per il colloquio vero e proprio, in modo da non essere eccessivamente ansiosi e da poter fornire risposte chiare, corrette e brevi.

Ricordate che l’intervistatore vorrebbe potervi concedere il visto: non sta sabotando di proposito le vostre prospettive ed è dalla vostra parte. Tuttavia, se non siete in grado di rispondere alle loro domande, le cose potrebbero diventare difficili.

Inoltre, si imbattono in un gran numero di moduli di visto falsificati, di perdite di tempo e di tentativi di visto illegali, per cui sono molto esperti nell’individuare le vere domande fasulle.

È bene tenere presente che la procedura viene presa molto sul serio e che anche voi dovreste farlo. Può sembrare divertente inventare storie sull’appartenenza a un gruppo terroristico, ma non noteranno l’umorismo e molto probabilmente verrete imprigionati. Non prendete mai alla leggera le domande formali del colloquio per il visto.

Infine, se tutta la vostra documentazione è in ordine, è molto probabile che vi facciano solo un numero limitato di domande specifiche. Per questo motivo è fondamentale che arriviate al colloquio adeguatamente preparati e con documenti eccellenti.

Abbigliamento

Molte persone si preoccupano di come vestirsi il giorno del colloquio per il visto, e ciò che si deve o non si deve indossare quel giorno può variare a seconda delle circostanze e del luogo in cui ci si trova.

Molte persone si preoccupano di come vestirsi il giorno del colloquio per il visto, e ciò che si deve o non si deve indossare quel giorno può variare a seconda delle circostanze e del luogo in cui ci si trova. Assicuratevi che anche i vostri capi siano ben stirati.

Vestitevi come volete, ma evitate tutto ciò che può dare un’impressione sbagliata, come slogan inadatti sulle magliette, mostrare troppa carne o qualsiasi cosa che possa essere considerata offensiva.

Dovete vestirvi come se steste andando a un normale colloquio di lavoro. È fondamentale che vi siate lavati e rasati (se necessario).

Condotta

Naturalmente, il giorno del colloquio vorrete presentarvi nella migliore luce possibile al vostro interlocutore.

Arrivare in anticipo – in alcune circostanze, arrivare fino a un’ora prima del colloquio è utile. Queste cose richiedono tempo e gli altri appuntamenti potrebbero tardare, ma potreste essere visitati prima del previsto, il che si rifletterà positivamente su di voi se siete pronti ad andare.

Siate sempre gentili e rispettosi, soprattutto se le cose non vanno come vorreste, per qualsiasi motivo.

L’aggressività, le urla o i litigi con forza con l’intervistatore comporteranno l’insuccesso della domanda di visto e l’allontanamento dalla sede.

Siate gentili e cordiali e dimostrate all’intervistatore di essere una persona piacevole. Dire per favore e grazie con un sorriso.

Cercate di rimanere calmi e fiduciosi. Se avete fatto i compiti a casa, questo dovrebbe passare e il personale dell’ambasciata se ne accorgerà. Ciò favorirà indubbiamente le vostre possibilità di approvazione.

Soprattutto, siate sinceri. Nel momento in cui vi sospettano di alterare i fatti o di mentire, il gioco è finito. Lo scopriranno in men che non si dica e questo comprometterà drasticamente le vostre possibilità di ottenere il visto.

Se questa volta il visto vi viene negato, vorrete essere in grado di ripresentare la domanda in un secondo momento, dopo esservi comportati correttamente, in modo da essere davvero autorizzati a riprovare.

Sicurezza il giorno stesso

Come si potrebbe pensare, la sicurezza delle ambasciate statunitensi è piuttosto rigorosa in tutto il mondo.

Ogni Paese, infatti, prende molto sul serio la sicurezza delle ambasciate.

Di conseguenza, è importante esaminare gli standard di sicurezza della specifica ambasciata che visiterete.

Questi possono essere trovati sul sito web dell’ambasciata competente.

In breve, non saranno autorizzati i telefoni cellulari e i contenitori di liquidi, nonché i contenitori sigillati, gli alimenti di qualsiasi tipo, gli oggetti appuntiti e i gadget a batteria/elettrici.

Zaini e bagagli devono essere registrati.

Non fatevi beccare con il vostro coltellino portachiavi o qualcosa di simile. Anche se sembra casuale, potrebbe essere negato l’ingresso.

All’ingresso, sarete sottoposti a metal detector/scanner di sicurezza, proprio come in un aeroporto. Controllate se avete con voi oggetti metallici.

I beni non ammessi in ambasciata saranno confiscati dal personale di sicurezza e trattenuti fino alla partenza. Vi daranno un buono o una carta che vi consentirà di reclamare il vostro materiale dopo il colloquio.

Quando si tratta di sicurezza di un’ambasciata, non fatevi fregare; seguite sempre le loro istruzioni.

Domande frequenti

1. Quanto dura un colloquio per il visto presso l’ambasciata degli Stati Uniti?

Nulla è scritto nella pietra quando si tratta del colloquio per il visto USA, ma si deve prevedere di trascorrere due o tre ore presso l’ambasciata o il consolato per esaminare l’intera procedura.

Se avete fatto i compiti a casa, tutto andrà bene e uscirete presto, ma qualsiasi errore o documento mancante farà sì che il colloquio subisca un notevole ritardo o venga cancellato del tutto.

La durata del colloquio può variare notevolmente in base a una serie di circostanze. Può anche cambiare in base alla nazione in cui si svolge il colloquio e alle procedure di quella particolare ambasciata.

2. Posso portare il mio bambino al mio colloquio di immigrazione negli Stati Uniti?

Si tratta di una questione difficile, perché le restrizioni variano notevolmente da ambasciata a ambasciata.

È meglio rimanere al sicuro e organizzare l’assistenza ai bambini. Non portereste il vostro bambino a un colloquio di lavoro, quindi non portatelo a un colloquio per il visto.

Detto questo, se siete veramente in difficoltà, chiedete all’ambasciata che state visitando se potete portare con voi il vostro bambino.

Ai bambini che superano un’età specifica verrà negata l’ammissione, a meno che non richiedano contemporaneamente un visto.

3. È necessario per me organizzare un biglietto prima di richiedere un visto per gli Stati Uniti?

Decisamente no. Non programmate mai un viaggio prima che il vostro visto sia stato completamente verificato.

Non si può mai sapere se i documenti di viaggio verranno rifiutati o se ci saranno ritardi o altre difficoltà nell’accettazione. E se avete già prenotato il vostro viaggio, con mesi o anni di anticipo, rischiate di perdere molto denaro.

Un intervistatore per il visto statunitense può chiedere quando prevedete di recarvi negli Stati Uniti, ma acquistare i biglietti aerei prima che vi sia stato assicurato che siete autorizzati a entrare negli Stati Uniti è stupido.

4. Il colloquio si svolge in una stanza privata?

Anche in questo caso, la decisione spetta all’ambasciata o al consolato. Alcune ambasciate più piccole possono accogliervi in una stanza privata, ma molte si limiteranno a condurre il colloquio in una cabina a vetri fuori dalla sala d’attesa.

Se siete preoccupati per la vostra privacy e non volete rischiare che i vostri dispositivi elettronici vengano controllati, non portateli oltre il confine. Prima di prendere l’aereo, riponeteli nel bagaglio da stiva.

5. Qual è il numero totale di intervistatori?

Di solito c’è un solo intervistatore, che molto probabilmente è un cittadino statunitense e un funzionario dell’ambasciata. Tuttavia, prima del colloquio, dovrete interagire con gli operatori locali, compresi quelli dell’amministrazione e della sicurezza.

6. L’intervista è semplice?

Per la maggior parte delle persone, il colloquio è solo una formalità se ci si è preparati adeguatamente e ci si è esercitati su tutte le probabili domande.

Non stanno cercando di ingannarvi o di farvi domande che non avete bisogno di sapere.

È soggettivo stabilire cosa si trovi di facile o difficile, ma nella maggior parte dei casi l’intervistatore vi farà domande di base su chi siete voi e la vostra famiglia, su quanto tempo pensate di rimanere negli Stati Uniti e sul motivo del vostro arrivo.

Ricordate che la preparazione è essenziale e che sarà molto più facile di quanto pensiate.

7. Devo portare le foto al colloquio per il visto per gli Stati Uniti?

Sì.

Sono necessarie due foto formato tessera su carta fotografica. Dovrebbero essere state scattate di recente, quindi non affidatevi a vecchie foto che avete in giro.

Controlla i criteri per le foto del colloquio per il visto negli Stati Uniti per assicurarti di fornire le foto appropriate. Il tuo visto sarà rifiutato se non fornisci immagini appropriate.

8. Con quanto anticipo devo richiedere un visto per gli Stati Uniti?

Si consiglia di richiedere un visto per gli Stati Uniti, indipendentemente dal tipo, almeno tre mesi prima della data prevista per il viaggio.

I tempi di elaborazione delle domande di visto possono variare e alcune ambasciate possono essere più rapide ed efficienti di altre.

Tuttavia, è preferibile prevedere il maggior tempo possibile in caso di problemi durante il viaggio. Per sicurezza, aspettate almeno tre mesi.

9. È possibile ottenere un visto per gli Stati Uniti senza un colloquio?

Alcuni cittadini, come funzionari governativi, membri della NATO, personale militare selezionato e rappresentanti di organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite o la Banca Mondiale, possono essere in grado di ottenere un visto per gli Stati Uniti senza un colloquio.

La maggior parte delle persone non può ottenere un visto per gli Stati Uniti senza un colloquio, ma se provieni da una nazione qualificata, puoi entrare nel paese nell’ambito del programma di esenzione dal visto ESTA. Non sei tenuto a partecipare a un colloquio per tale procedura.

10. Posso ancora utilizzare il mio passaporto precedente con il mio visto per gli Stati Uniti?

Sia il passaporto che il visto devono essere validi, aggiornati e non danneggiati o manomessi in alcun modo.

Tuttavia, se il visto sul vecchio passaporto non è scaduto, è ancora possibile utilizzarlo per volare negli Stati Uniti, purché si mostri alle autorità doganali anche il nuovo passaporto legale.

Non cercate mai e poi mai di rimuovere o ritagliare un visto per inserirlo nel nuovo passaporto. Anche in questo caso, se il visto non è stato distrutto, è ancora valido e non è stato cancellato, può essere utilizzato insieme agli altri documenti di viaggio richiesti.

Ricordate che anche con un visto valido, l’ammissione negli Stati Uniti non è assicurata. Tutto è a discrezione delle autorità doganali di confine. Maggiori informazioni su ciò che accade quando si raggiunge il confine con gli Stati Uniti possono essere trovate in questa guida.

11. È necessario portare un vecchio passaporto a un colloquio per il visto negli Stati Uniti?

Come già detto, il passaporto deve essere valido per almeno sei mesi durante la richiesta di un visto per gli Stati Uniti e la partecipazione a un colloquio.

Con le ultime tecnologie non è più necessario portare il vecchio passaporto al colloquio per il visto.

Tuttavia, non fa male aggiungerlo ai documenti, quindi portatelo con voi per sicurezza.

12. Devo andare a un esame medico per ogni visto per gli Stati Uniti?

No, i visti turistici e d’affari sono esenti da questo requisito.

Per tutti gli altri permessi di immigrazione è necessaria una visita medica presso un medico autorizzato.

13. Qual è il codice di abbigliamento per il colloquio per il visto dell’ambasciata degli Stati Uniti?

Non è richiesto un abbigliamento formale, tuttavia si raccomanda di presentarsi al colloquio con un abbigliamento elegante o smart-casual, pulito e stirato.

Considerate cosa indossereste per un tipico colloquio di lavoro e vestitevi di conseguenza.

14. Cosa succede se il mio passaporto viene perso o rubato dopo aver ricevuto un visto per gli Stati Uniti?

Per cominciare, se il vostro documento di viaggio è stato sottratto, dovete sporgere denuncia alla polizia, quindi contattate le autorità locali del vostro Paese.

Prima di un altro colloquio per il visto, è necessario richiedere un nuovo passaporto. Contattare l’ambasciata della nazione di cittadinanza per conoscere le fasi successive della procedura.

Per ulteriori istruzioni, contattare l’ambasciata statunitense presso la quale si è svolto il colloquio per il visto. Se il passaporto è stato rubato, è necessario presentare il verbale della polizia al momento della richiesta del visto.

Controlla la pagina dei passaporti smarriti e rubati per ulteriori informazioni.

15. Cosa succede se non ricevo il mio visto per gli Stati Uniti dopo il colloquio?

Dipende totalmente dai motivi per cui il visto è stato rifiutato. Il giorno del colloquio, l’intervistatore vi comunicherà questi motivi e potrete discutere le misure successive da adottare.

I visti vengono in genere negati a causa di errori di compilazione, come la mancata presentazione di un determinato documento, la fornitura di informazioni false o semplicemente errori di battitura nella domanda.

In questo caso, è necessario riavviare la procedura.

Se siete stati rifiutati a causa di un’infrazione più grave, non potrete ripresentare la domanda, ma l’intervistatore vi consiglierà i passi da compiere in futuro.

VIAGGIARE NEGLI STATI UNITI?


Avete un’autorizzazione di viaggio ESTA VISA per gli Stati Uniti? Se avete una domanda ESTA, controllate se è ancora valida!

Richiedi ora il visto Esta
Controlla ora lo stato di Esta

Sintesi

Il colloquio con l’ambasciata statunitense può sembrare scoraggiante all’inizio, ma non lo è affatto. Naturalmente, ciò presuppone che abbiate fatto tutti i preparativi necessari e che abbiate acquisito tutti i documenti e le prove.

E non c’erano errori nella domanda.

Se lo avete fatto, il colloquio sarà un gioco da ragazzi.

Buona fortuna!